Le novità legate alla Cessione del Quinto

COS’E’ LA CESSIONE DEL QUINTO?

La cessione del quinto è una forma di finanziamento concessa a dipendenti e pensionati in cui il versamento delle rate del piano di ammortamento avviene attraverso una trattenuta effettuata direttamente dal datore di lavoro o dall’ente pensionistico e versate alla finanziaria che ha erogato il finanziamento.

QUALI SONO LE NOVITÀ’ LEGATE ALLA CESSIONE DEL QUINTO?

Da poco l’ECOFIN ha approvato un pacchetto di modifiche al regolamento UE 575/2013 riguardanti le regole sui requisiti patrimoniali delle Banche.

Specificatamente, per la cessione del quinto dello stipendio o della pensione, è stata modificata la ponderazione del rischio nel calcolo dell’assorbimento di capitale. In poche parole, le attività ponderate per il rischio sono rappresentate dal valore degli attivi per un coefficiente di ponderazione. Tale coefficiente sale all’aumentare della rischiosità dell’attivo. Gli istituti finanziari devono mantenere il rapporto tra il capitale disponibile ed il valore dell’attivo ponderato per il rischio al di sopra di una soglia predeterminata. Più questo rapporto è elevato più l’Istituto è solido e patrimonializzato.

Attualmente la ponderazione avviene al 75%, mentre con le novità introdotte passerà al 35%. La diminuzione del coefficiente di ponderazione è indice del riconoscimento di una minore rischiosità del prodotto. Tali modifiche dovrebbero esser recepite nell’ordinamento nel corso del 2019.

QUALI SONO I PRESUPPOSTI DELLA MODIFICA?

La modifica prende le mosse dal fatto che questa tipologia di finanziamento ha una minore probabilità di default dovuta a due fattori principali. Da un lato, il versamento delle rate del piano di ammortamento viene effettuato tramite ritenuta diretta alla fonte dal datore o dall’ente pensionistico; dall’altro lato il finanziamento è comunque assicurato in caso di morte o perdita del posto di lavoro.

QUALI SONO I POSSIBILI IMPATTI DELLA MODIFICA?

Una ponderazione minore delle attività per il rischio, a parità di attivi, libererà capitale per chi eroga il finanziamento. Conseguentemente, ne potrebbero derivare effetti benefici sia per l’ente erogante nei propri indici patrimoniali ed impiegare tale capitale con altri prestiti. Questo, a sua volta, potrebbe comportare un ricorso maggiore a tale forma di finanziamento da parte delle Banche con un incremento della fetta di mercato che la CQS occupa nel panorama dei prestiti (ad oggi pari a circa il 10%). Dal punto di vista della clientela, un possibile impatto potrebbe declinarsi in una una maggiore offerta e una maggiore appetibilità, a livello di tassi, del prodotto.

Scopri CrediQuintum, la cessione del quinto per i clienti IFIS NPL! Clicca qui!

NEWS CORRELATE

Banca IFIS, il CDA approva il progetto di bilancio 2019 e propone un dividendo in crescita a 1,10 euro ad azione

Roma, 12 marzo 2020 – Il Consiglio di Amministrazione di Banca IFIS, riunitosi oggi sotto la presidenza di Ernesto Fürstenberg Fassio, ha approvato il progetto di bilancio 2019 che, recependo i risultati preliminari al 31 dicembre 2019 già approvati dal Consiglio e resi noti al mercato l’11 febbraio scorso, registra un utile netto d’esercizio di … Continued

Cos’è e come funziona il rinnovo della cessione del quinto?

Il rinnovo cessione del quinto è un’interessante opportunità per chi ha già usufruito di un prestito mediante cessione del quinto. Se già conosci questa modalità di prestito e hai un finanziamento attivo, infatti, ti sarà utile sapere che, nel caso ne avessi bisogno, potrai rinnovare la tua cessione del quinto e ottenere nuova liquidità. Non … Continued

Banca IFIS: il CDA approva i risultati preliminari 2019

Mestre (Venezia), 11 febbraio 2020 – Il Consiglio di Amministrazione di Banca IFIS, presieduto dal Vicepresidente dott. Ernesto Fürstenberg Fassio, ha approvato oggi i risultati preliminari relativi all’esercizio 2019. Il 12 marzo 2020 verrà approvato il progetto di bilancio 2019. «Banca IFIS è una banca profittevole e ben capitalizzata, con un patrimonio netto di 1,5 … Continued

Banca IFIS: Piano industriale triennale. Nel 2022 utile netto a 147 milioni di euro con significativa crescita dei business “core” e riduzione della componente straordinaria. Investimenti per 60 milioni di euro e 190 nuove assunzioni.

Banca IFIS: Piano industriale triennale. Nel 2022 utile netto a 147 milioni di euro con significativa crescita dei business “core” e riduzione della componente straordinaria. Investimenti per 60 milioni di euro e 190 nuove assunzioni.   Milano, 14 gennaio 2020 – Il Consiglio di Amministrazione di Banca IFIS presieduto dal Vicepresidente dott. Ernesto Fürstenberg Fassio … Continued

Adesione Gruppo IVA 1° gennaio 2020

Capitalfin S.p.A. e le società del Gruppo Banca IFIS interessate hanno aderito al regime del Gruppo IVA. Il Gruppo IVA sarà efficace a partire dal 1° gennaio 2020 con partita IVA numero 04570150278 e sarà composto dalle seguenti società:         Banca Ifis S.p.A. Ifis NPL S.p.A. Ifis Rental Services S.r.l. Credifarma S.p.A. … Continued

Gruppo Banca IFIS: nei nove mesi utile netto a 84 milioni di euro. Cresce la raccolta retail. CET1 a 11,10%

Mestre (Venezia), 7 novembre 2019 – Il Consiglio di Amministrazione di Banca IFIS, riunitosi oggi sotto la presidenza di Sebastien Egon Fürstenberg, ha approvato i risultati relativi ai primi nove mesi del 2019. «Questi nove mesi del 2019 si chiudono con un risultato della gestione finanziaria che rispecchia il buon equilibrio del business model della … Continued

Apri la chat
Scrivici
Ciao! Come posso aiutarti?

Ai sensi della normativa privacy, ti informiamo che i dati personali da te forniti saranno trattati e conservati per il solo tempo necessario a fornire l’assistenza da te richiesta.
Powered by